Gino Strada di Antonio Belsito

Muore Gino Strada. Ma vive il Suo Cuore.
Ha insegnato l’Umanità, dispensandola con autentica generosità attraverso l’esercizio umile della professione medica.
Era un Chirurgo d’urgenza che ha scelto di stare – davvero – tra i poveri, tra i diseredati, tra coloro che la “bruttura” di qualche uomo ha reso (e rende) reietti.
Gino Strada era sempre tra le pozzanghere, il mare mosso, i quartieri distrutti dalla guerra e la gente abbattuta dal malaffare e dalla mala politica. In ogni parte del mondo.
Di parole ne faceva poche.
Di fatti umani o “sovrumani” ne compiva tanti.
Non amava mostrarsi in cravatta e non ostentava la visibilità del camice. E tantomeno snocciolava curricula o muoveva competizioni con altri operatori sanitari.
Gino Strada era la semplicità che accompagnava la più sincera e umana professionalità.
Non ha mai lamentato di pazienti impertinenti o di turni massacranti perché aveva scelto, sin da giovane, di essere un medico e un medico non può essere un pupazzo comodo vestito di bianco. Un medico è e non può non essere nella trincea della vita.
Gino Strada non aspettava di essere ringraziato: ringraziava ogni giorno i tanti (pazienti) a cui donava le Sue cure gratuite perché era medico per loro.
Innanzitutto.

Grazie Gino.

(Copyright2021)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...