Genocidi di Antonio Belsito

Lo senti il flagello?

Le carni si rivoltano
come fossero stoffe da cucire,
mentre il sangue gorgoglia
come fontana di piazza.

Le grida s’intensificano
come fossero fuoco che divampa.
Il vento si alza.

Lo senti il flagello?

Sono gente che corrono
come fossero onde nel mare,
sono braccia che si stringono
come fossero radici che s’intersecano,
sono occhi che si guardano
come fossero vulcani.

Sono polvere.

Lo senti il flagello?

Sono passi che si lasciano.
Sono orme che rimangono.

(Copyright2013)

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...