Alla morte da vivo e alla vita da morto di Antonio Belsito

Alla morte da vivo e alla vita da morto.

 

E non pensare che quando arriverai
mi troverai così facilmente
perché sarò nascosto
– ma non per paura
bensì perché voglio il tuo coraggio
nel cercarmi –
e sappi che la vita mi ha scovato
e abbiamo giocato sino allo spasmo
nella polvere della strada, alla luce del sole, nell’acqua di mare,
tra i pini di montagna.
Ci siamo rincorsi con la vita
imbrattati dall’azzurro cielo
a seguire le scie delle stelle
ad acchiappare il vento
a bere ogni goccia di pioggia
ad impantanarci in una pozzanghera
a sentire il rumore
e ad ascoltare il suono.
Sarò felice di nascondermi,
sapendoti vicina, dietro l’angolo,
sotto il tavolo, davanti alla finestra,
sotto le lenzuola.
Non ti concederò nessuno dei miei ricordi mentre stringo forte gli occhi.

Tu non sai cos’è un abbraccio.
E io lo farò.
A occhi chiusi ti abbraccerò.

 

(Copyright2016)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...