Enrico Berlinguer e Aldo Moro: il comunismo dell’uomo, non l’uomo del comunismo di Antonio Belsito

Il senso più alto dell’istituzione, la ragione democratica di una nazione, la coscienza critica di un uomo, l’onestà intellettuale del politico.
Enrico Berlinguer e Aldo Moro erano UOMINI di coscienza; la politica non può prescindere dalla coscienza quale consapevolezza dell’onestà e conoscenza degli altri.

Berlinguer lo aveva capito giovanissimo, allorquando la fame portò i più a “saccheggiare” i forni per nutrirsi con un tozzo di pane ed egli, nell’occasione, fu accusato di istigazione.

Anche Moro lo aveva compreso in giovane età.

Se una comunità ha fame significa che la politica “non funziona” e che la predetta comunità è dimenticata da chi ha il dovere di “fare politica” per tutti e non per pochi.

Il pane è ed era un diritto di tutti e non di alcuni; focalizzare la tutela di diritti comuni solo su alcuni (e non su tutti) significa “estorcerne” qualche voto.
Il pane dato a pochi non è politica ma è infima azione di politicanti beceri che definiscono il loro serbatoio di voto a discapito dei più, speculando sul bisogno di chi ha diritto al pane: il pane non è un favore del politicante ma un diritto di cittadinanza democratica.
Enrico Berlinguer e Aldo Moro erano strenui difensori del giusto, del merito, dei diritti e dei doveri tant’è che, accortisi di un “uso improprio” della “cosa pubblica”, sollevarono la questione morale.
La politica aveva “perso” il fine nobile della cura dell’interesse generale per soddisfare interessi particolari, lobbistici, di pochi o per utilizzare il bisogno dei molti quale tornaconto (proprio come accade oggi!!).
Questa era la politica che Berlinguer e Moro invitavano a uscire dalle istituzioni, a lasciare le istituzioni, per preservare lo spirito democratico della nazione: l’anima del popolo.

Il popolo, per Enrico e Aldo, era e doveva essere tutto.

Il popolo nella sua interezza, senza figli e figliastri, doveva essere (e dovrebbe essere) la ragione della politica perché la politica esisteva (ed esiste) per il popolo.

Berlinguer e Moro anelavano alla purezza di governo, quella purezza che è “fare per tutti”, essere per tutti, quella purezza che è solidarietà nazionale, solidarietà di comunità, solidarietà tra uomini, perché ognuno è responsabile di se stesso e del prossimo.
Enrico e Aldo.
Due UOMINI dall’alto valore etico che, pur di colori partitici diversi, si schierarono col popolo perché il popolo non è colore partitico, bensì comunità che necessita di azioni governative favorevoli affinché il benessere sia comune.

Si gridò, per la prima volta, al compromesso storico.

Non era un’arma letale ma voleva essere una comunione di istanze di sana politica in favore della nazione: una progettualità di riforme sociali ed economiche avvertite come necessarie e indispensabili dai leader delle più grandi forze politiche nazionali.

Enrico e Aldo credevano, fermamente, nelle istituzioni perché queste erano l’avamposto della legalità, della democrazia, tant’è che non gradivano imperativi partitici condizionanti il sano operare dell’istituzione in quanto tale.

L’istituzione era la difesa più strenua del popolo e non doveva abbandonare il popolo. Difatti, Enrico si scostò finanche dalla linea sovietica – abolendo l’obbligatorietà per le giovani leve comuniste di “passare” dalla formazione URSS, criticando le invasioni dell’armata rossa e tanto altro ancora – perché le istituzioni non erano proprietà privata dei partiti, bensì il bene supremo della democrazia che non si deve e non si può identificare in individualità politiche. Anche Aldo batteva i pugni – nel suo partito – per una politica di giustezza.

Il politico è solo uno strumento, un veicolo, per la realizzazione delle istanze del popolo che non significa “a te dono perché mi voti o a te faccio il favore di…” ma significa elaborare una progettualità di sostegno per tutti mediante competenze e attitudini.

“Casualmente”, questo fare “prodigo” di democrazia e coscienza portò a degli eventi drammatici per Moro (rapito e ucciso dalle brigate rosse) e non meno drammatici per Berlinguer (patì, dapprima, un “incidente-attentato” a Sofia ove fu investito da un camion militare nel periodo della sua linea critica avverso l’URSS e, successivamente, sopraggiunse la “morte” nel corso di un sentito comizio in quel di Padova ove gridava, con intensità e determinazione, al rinnovamento necessario per cambiare e migliorare perché se si sta tra il popolo non si può dimenticare il popolo!).

Enrico e Aldo morirono tra quel popolo che era sempre stato al centro del loro cuore e per il quale, anche, il cuore aveva ceduto.

Enrico fece in tempo a criticare, duramente, le BR e assunse un atteggiamento di ferma condanna perché – uccidendo – si negava la via del dialogo, quel dialogo tanto auspicato da lui e da Moro (ancor prima che divenisse pretesto di eversione), quel dialogo che, certamente, era mancato ma poteva essere recuperato con un’operazione di conversione democratica.

Enrico Berlinguer e Aldo Moro erano il comunismo dell’uomo (e non l’uomo del comunismo) cioè quella comunione di emozioni, intenti, parole, pensieri, riflessioni, critiche, necessaria per risollevare le sorti di un’Italia desiderosa di riscatto.

Enrico Berlinguer e Aldo Moro erano il popolo, erano strenui difensori del popolo, quel popolo – oggi – bistrattato.

berlinguer e moro(Copyright2014)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...